Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog
/ / /


[...] La fedeltà che dimostri verso il reale non è cieca, ma ingannatrice. Sicché, dietro un paravento concettuale, simuli l’operazione del falsario e indugi puntualmente sulla doppia valenza dell’essere e dell’apparire, appropriandotene nella più conflittuale e meno “oleografica” condizione dialettica: quella, cioè, di interrogare il Presente, di manovrarne le contraddizioni, di ribaltarne le trame dichiarate, di catturare e di restituire - attraverso un gioco di specchi - i fili misteriosi che tessono il canovaccio dell’esistenza.

Da un siffatto proscenio, l’Uomo esibirà sempre il contrassegno della sua nudità, né vi saranno probanti scorciatoie per evadere la gabbia del quotidiano, dei suoi oggetti, delle sue memorie. Perciò, anche sull’onda del rievocativo o degli umori surreali, la tua pittura ripercorre con tenacia il terreno dell’ambiguo nel suo ginnastico sconcerto, ammiccandolo senza forti tinte e toni da drammaturgo [...]


Molfetta, 1986

Condividi pagina

Repost 0
Published by